Il cinico

4

13 novembre 2012 di thesurvivaldiaries

[Special Guest: Felix]

Vabbè, scrivo…

Mi ero ripromesso di non farlo, ma è un po’ che leggo e non resisto.

Prima cosa: siete incauti.

Citate luoghi, nomi di vie, quartieri…io vostri nascondigli, i vostri programmi… ma la mamma non vi ha insegnato a non parlare con gli sconosciuti?

O almeno, a non consegnargli il culo con una candida imbecillità degna delle vacche indù?

Ma avete idea di quante bande di sciacalli ci sono in giro? E secondo voi qualcuno di loro non riesce a navigare?

E Venezia?… lì ve la siete cercata a mio avviso.
E a Exilles dovrebbero tener presente che buona parte degli esplosivi che erano già pronti per la Tav in val di Susa e che sono spariti nei primi giorni del casino non saranno poi così lontani…

E dopo essermi guadagnato anche la vostra simpatia,passiamo alle presentazioni: Felix, nato e vissuto fino a poco tempo fa a Torino, 37 anni.

Qui spesso mi chiamano “Il cinico” o con soprannomi decisamente meno divertenti a seconda della fantasia di chi li inventa; suppongo di essermela cercata, grazie al mio sarcasmo nero ed avendo (come mio solito) affibbiato soprannomi feroci a tutti…

Di più non vi dirò, specie su dove mi trovo ora.

Tanto, a giudicare da quel che leggo, la maggior parte di voi potrebbe essere sulla luna… siete distanti, e con i mezzi attualmente disponibili, e le insidie delle strade diventate irraggiungibili.

Quindi inutili.

Dai, ok, magari inutili pare brutto, diciamo che non mi servite ad un cazzo.

E sono sfiorato dall’ipotesi che caldamente ricambiate la valutazione.

Ma non sono qui per offendere o fare incazzare qualcuno: in fondo offendere gratuitamente via internet e cercando la polemica gratuita è uno sport che andava molto in voga nel mondo di prima,ed era un’atteggiamento di molti vigliacchi sfigati che francamente mi stava sulle palle.

Sono qui perchè …

Già, perchè?

Nel mondo di prima, la società era già piena di zombie: la gente si scannava a gratis, la crisi era la scusa più recente per giustificare ogni sorta di porcheria ed atteggiamento egocentrico ai danni del prossimo.

“3 italiani su 4 desiderano cambiare il proprio posto di lavoro” (strano come certe fesserie lette in rete mi sono rimaste in testa anche dopo aver visto l’apocalisse in 3D )… beh credo che ora 3 italiani su quattro abbiano cambiato la propria occupazione: ora cercano di sbranare il 4°.

Sto divagando…

Dicevo, prima di tutto ‘sto puttanaio già sopportavo con fastidio il prossimo.

La mia era una sociopatia latente, affilata da anni di delusioni generosamente datemi da colleghi di lavoro, amici, donne, psicopatici ed infami vari.

Troppo di buon carattere per stare al mondo, mi stavo indurendo.

E la sorte avrebbe nuovamente accelerato il processo.

Erano diversi di giorni che i media ci suggerivano quel che stava accadendo, ma le segnalazioni di “curiose aggressioni”e reiterate sparizioni si perdevano nell’inutilità di un’informazione farlocca a cui tutti, sull’italico suolo, avevamo imparato ormai a dare poca importanza.

La sera in cui iniziò il casino ero a ballare, come sempre…

Country, latino americano, discoteche.

Una vita passata a ballare nei locali.

La serata era iniziata da qualche ora, il locale era già bello pieno…

Gente in tiro, zoccolame vario messo giù da gara, fighetti in mocassini e pantalone risvoltato sopra la caviglia che osteggiavano un arrogante non-coscienza di sè (nota per Dio: riguardo al mocassino/pantalone risvoltato: forse ho capito perchè ci hai mandato sta fine del mondo…)

Mi trovavo nella zona del locale adibita ad area fumatori, niente altro che una camera con le finestre aperte, e mentre da buon nicotinomane soddisfacevo il mio vizio un boato in strada attirò la mia attenzione.

Dalla finestra potei constatare insieme ad altri che coinvolto nell’incidente c’era un’ambulanza, che non si sa come si era fiondata in un officina dall’altra parte della strada.

Ma dico io, se quelli che ti devono salvare vanno a stamparsi a loro volta siamo messi bene…

Di lì a poco arrivarono altre due ambulanze,e qualche pattuglia di polizia.

Caso chiuso, almeno per me.

Mi rituffai nella serata risoluto: il divertimento è una cosa seria.

Mezz’ora dopo però, tra i decibel di orchestre cubane strombazzanti, risate e urletti istrici si fece largo un diverso tipo di melodia.

Urla… italianissime e provenivano dall’ingresso.

Il caos si propagò istantaneo nella sala.

Spintoni, grida, isterismo.

Nel tafferuglio una mezzasega per passare mi mollò anche una sventola in faccia… e credo che sia stato proprio quel buffetto affettuoso a riscuotermi dallo shock iniziale (a leggere il blog,sembrate tutti figli di Chuck Norris, pronti, capaci di ragionamenti ultracalcolati a velocità assurde e votati all’eroismo…ma per piacere: quando ti ritrovi nel bordello, quello vero, ti si gela il sangue nelle vene e non ragioni più).

4 thoughts on “Il cinico

  1. Nicola Furia scrive:

    grazie per la citazione…e complimenti per il brano…spietato, freddo, cinico e soprattutto (finalmente)REALE

    Nicola Furia… “il Carabiniere che ha già scritto un paio di volte sul blog”

  2. emily scrive:

    be …………………………bravo..come vedi non ho altre parole solo questo riesco a spiccicare!!! ciao sei davvero in gamba!

  3. psyco oplontis scrive:

    non c’è niente da fare… la tua maschera di cinico non riesce a celare la tua umanità…ti difende bene, ma non basta… d’altronde ti piace il latino americano….

  4. Felix scrive:

    Il Cinico commenterebbe :”bravo bravo,complimenti!!…tanto i complimenti non costano un ca…!”
    Ma io vi ringrazio per i commenti,sono davvero contento che il mio racconto vi sia piaciuto.
    :D

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

eBook – Stagione 1

Promo

BlogItalia - La directory italiana dei blog
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: