Absolute Terror Field

Lascia un commento

13 giugno 2012 di thesurvivaldiaries

Brutti sogni. Sogni del cazzo.
Non va per niente bene oggi.
Ieri mi hanno offerto di andare a vivere in un appartamento a San Polo con due tizi ma ho rifiutato l’offerta. Mi sono affezionato alla mia brandina in Aula A.
Ma non è così: il fatto è che mi sto aggrappando alle cose, sto cercando di ricrearmi delle consuetudini.
Io devo avere un Problema nella testa: le cose, i fatti che mi accadono, non mi raggiungono subito.
E’ come il primo giorno di palestra: il vero dolore lo sentite il giorno dopo.
Io ho una specie di barriera attorno a me, se mi concentro bene quasi la posso vedere. L’ho chiamata AT Field, proprio come lo scudo protettivo degli EVA in Evangelion. Absolute terror Field, campo del terrore assoluto. E’ una menata psicologica che riguarda le persone autistiche o chiunque è dotato di un grande ego.
Ho dovuto crearmi il mio AT Field col tempo perché spesso sento che la mia idea di me stesso è  una ferita sempre aperta, sensibile anche al più piccolo contatto. E’ un campo che mi circonda, che filtra, che impedisce che io stia male. Se qualcuno o qualcosa penetra quel campo, ecco che arriva il terrore. Soverchiante, infinito, assoluto.
Il mio AT Field però non funziona come dovrebbe. Oddio, a volte funziona anche troppo bene, ma ci sono volte in cui tutto l’immenso schifo della vita mi sorprende con le braghe calate. Succede sempre la mattina, appena sveglio.
Io ci sto bene col mio inconscio, coi miei sogni. Nella mia vita precedente ho sperimentato delle tecniche di sogno lucido e ora riesco a raggiungere la semicoscienza nell’attività onirica molto più spesso.
Sì, sto bene quando dormo. Il mondo è mio e io sono il mondo. Non c’è nessun altro che rompe i coglioni.

E’ quando mi sveglio il problema.
Ho sempre sentito una specie di vertigine, una nausea letale nello stare al mondo. Come se percepissi il vorticare del pianeta terra attorno al sole. E c’è sempre un dolorino, qui, dietro alla nuca, nel cervello. Non so se voi ce l’avete. Io penso che sia il dolore che si prova quando sei vivo.
Gli zombie non credo ce l’abbiano: se ne sono liberati.

Butti sogni, proprio di merda.
Ho sognato la notte all’Accademia. Non Tinto Brass zombificato, né la tizia con la relazione complicata. Ho sognato il ragazzo che è stato morso, ho sognato di essere lui. Avevo la febbre e c’era questo squarcio sul mio polso, il sangue che ne usciva era nero. Attorno a me facce sconosciute. Stavo male, ero solo e presto sarei morto. E dopo la morte, un’altra cosa. Non la vita eterna, cazzo no. Solo il ventinovesimo livello di Doom 2: the living end. La fine vivente.
Ho cercato di cambiare il sogno ma non ce l’ho fatta. Ho visto vene nere partire dal morso, cariche di sangue infetto. Ho sentito distintamente il virus del cazzo o quello che è farsi strada nel mio cuore, nei polmoni, nella testa. Era come avere ruggine dentro.

Poi mi sono svegliato. Non ho urlato ma sono rimasto a fissare per un po’ il mondo della veglia.
L’aula A era vuota: tutti si erano già alzati. Non che in questo periodo siamo in molti a dormire qui: quasi tutti quelli che c’erano quando sono arrivato se ne sono andati a San Polo e i pochi che sono arrivati dopo di me non parlano molto. Hanno facce smunte, si muovono lentamente. Alcuni delirano la notte, altri piangono. Ero così anch’io, appena arrivato?
Io non faccio domande, cerco di aiutarli come posso. Con un sorriso, una battuta. Ogni volta mi dico che non dovrei avvicinarmi alle persone, perché dovrei aver imparato che le persone sono teste di cazzo e  prima o poi diranno o faranno qualcosa che penetrerà dentro il mio AT field difettato e si ficcherà come uno spillone arroventato dentro la mia idea di Io. Il vero inferno sono gli altri, non mi ricordo chi lo dicesse.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

eBook – Stagione 1

Promo

BlogItalia - La directory italiana dei blog
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: