I cani non se la beccano

Lascia un commento

4 maggio 2012 di thesurvivaldiaries

[Special guest: Alessandro Bragiato]

Eccoci,

ciao a tutti, mi chiamo Ale vivo in una villetta appena fuori Padova. Grazie a dio mio padre ha avuto la brillante idea di circondare il giardino di casa con un muro di due metri, per cui sono relativamente al sicuro, per il momento. I miei erano in viaggio di lavoro quando è iniziato tutto, non li sento da allora, chissà che in Corea dove si trovavano le cose vadano meglio… è già qualche giorno che leggo i vostri post su quello che pare uno dei pochi server ancora attivi in tutto il triveneto. Vi dico la verità, ho avuto molte riserve a farmi vivo prima, non mi fido più di nessuno, e purtroppo devo dirvi che il motivo ha poco a che vedere con i nostri simpatici amici ciondolanti e affamati. Qualche tempo fa ero in contatto con una famiglia, una coppia poco lontano da Vigonza con due figli. Mi dicevano che erano stati contattati da un altro gruppo che pareva potesse riuscire a raggiungerli. Non li sento da una settimana. Poi mentre ero in giardino, giorni fa, sento delle urla disperate, mi sporgo dal muretto e vedo una bimba inseguita da tre di quei mostri bastardi. Le apro di corsa il cancello e faccio una cosa che avrebbe potuto mettere seriamente a rischio la mia vita: la accolgo a casa mia. Era parecchio malconcia, ma non pareva contagiata. Mi racconta che viveva con la famiglia asserragliata in una villetta poco distante da me. I suoi avevano contattato un altro gruppo di superstiti e si erano accordati per incontrarsi. Pochi giorni dopo il gruppo era arrivato ma le cosa avevano preso una piega tutt’altro che prevista. Gli stronzi erano armati, alcuni erano stranieri. Appena entrati in casa le avevano ammazzato il padre e il fratello più grande, poi avevano violentato la madre e la sorella di 15 anni. La piccola è riuscita a scappare per miracolo e solo per un altro miracolo non è diventata la colazione di uno di quei fottuti mostri. Ora vive con me, ma non parla quasi mai, se ne sta in un angolo del letto e fissa il vuoto. Povera, non posso biasimarla. Non ci volevo credere, ma vi assicuro che quel che è rimasto dell’umanità è forse più pericoloso di quegli stronzi ciondolanti, quindi ora non mi fido più di nessuno che cammini su due gambe, sia che sbavi e puzzi di macelleria medievale, sia che sappia recitarmi a memoria Ezechiele 25:17!

In ogni caso vi do un’altra dritta: qualunque origine abbia questo cazzo di contagio, i cani non se lo beccano. Ho 2 Rottweiler in giardino, Ralph e Goku, due bei manzi da 60 chili l’uno. Cinque giorni fa mi sveglio all’alba (per quel poco che riesco ormai a dormire) sentendo un trambusto venire da fuori. Uno di quei cosi ormai putrefatto era riuscito a entrarmi in giardino (poi ho capito come: uno stronzo aveva avuto la brillante idea di venire a farsi saltare le cervella dentro un SUV proprio sotto la mia muretta, e uno di quei resort per vermi ambulante era riuscito ad arrampicarsi. Quasi mi faccio ammazzare uscendo a spostare la macchina e il suo ormai defunto occupante). I miei ragazzi avevano fatto un bel lavoro. Di lui restavano ormai molti pezzi sparsi, mentre Ralph e Goku si litigavano gioiosamente la sua testa ancora schiumante di rabbia. Li ho tenuti d’occhio per tre giorni, ho pensato che da com’è andato a puttane tutto così in fretta il contagio debba essere molto più rapido. A quel punto sono uscito e ho buttato i resti al di la della muretta, e fine della giostra. Piccolo appunto: l’hanno smembrato ma non mangiato, devono sentire in qualche modo che qualcosa non va in quella carne… Dico la verità, ora mi sento un po più sicuro, il problema resta il cibo. Mio padre è cacciatore (si esatto, ho anche delle armi, per quello non dirò mai dove mi trovo) e il mio freezer è stracolmo di selvaggina, ma se anche l’elettricità va a farsi fottere col caldo di questi giorni mi va in malora tutto nel giro di poco… Però non mi va di uscire, qui ho visto passare intere mandrie di quegli affari, non oso pensare a come sia la situazione in città, raga non vi invidio proprio!

P:S: capisco Marta, anche a me è passata per la testa l’idea di farla finita, però ora ho la bimba a cui badare, eppoi non sono ancora così pronto a lasciare questo mondo, anche se è finito in merda! Cazzo, una speranza ce l’ho ancora…

A presto e state all’erta! Ale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

eBook – Stagione 1

http://www.booxfactor.com/prodotto/the-survival-diaries-prima-stagione/

Promo

BlogItalia - La directory italiana dei blog
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: