Elezioni anticipate

Lascia un commento

11 giugno 2012 di thesurvivaldiaries

Quando e’ scoppiato il casino c’era confusione, stordimento. Le cose sembravano cosi’ lontane, in tv..

Il giorno successivo sono arrivati i militari, e abbiamo capito che stava accadendo davvero. E accadeva qui.
Hanno fatto saltare i ponti sull’Adige a Boara e Cavarzere, mentre il nostro e’ stato chiuso e blindato.
Questioni di logistica, hanno detto.

Noi di qua, gli zombie di la’ e in mezzo i radioamatori del 1mo Reggimento Trasmissioni a difenderci.
Ci sentivamo relativamente “sicuri”.
Sbagliavamo.

Un bel martedi’ mattina, la svolta.
Sento i militari sparare. Cazzo, non hanno mai sparato cosi’ tanto in cinque giorni di presidio.
Prendo la bici e vado a vedere, mentre mia madre mi urla “andiamo via, ce ne dobbiamo andare!”…
“Torno tra 10 minuti!!”
Non e’ vero. Non tornero’.

Mi sveglio con un dolore lancinante alla testa, fasciata da una camicia color verde pistacchio.
Forse e’ solo un sogno e sto interpretanto Derek in Bad Taste. Una serie di fitte micidiali mi fanno capire che non e’ cosi’.
Ho la faccia piena di sangue rappreso e a quanto pare mi sono pure pisciato addosso, anche se i pantaloni sono ormai asciutti.
Sono disidratato e ho i crampi allo stomaco, sto male.

Dopo 5 minuti passati nella fase “faccia da pesce lesso” mi rendo conto di avere la barba incolta e di essere circondato da sacchetti di pane.
Bingo! Sono nel fottutissimo Kangoo rosso del panettiere, ribaltato dentro l’ufficio delle onoranze funebri.
Che ci faccio qui? Chi mi ha medicato la ferita alla testa? Da quanti giorni sono chiuso qua dentro?
Ma soprattutto, che cazzo e’ successo?
Questi sono i compiti che mi ha dato la maestra, e in due mesi non ne sono ancora venuto a capo.

Non ricordo neanche come sono tornato a casa, quel giorno.

Quello che so e’ che gli stronzi succhiacervelli hanno trovato un passaggio nel ponte ed ora sono qui. Lentamente, arrivano.
Il mio paese e’ morto. Auto bruciate, fori di proiettili ovunque. E un fottuto odore di Napalm e morte che ti strappa il cervello dal naso, non e’ certo come lo descriveva il colonnello Kilgore.
E cadaveri, cadaveri ovunque, alcuni piu’ vivi di altri. Niente elettricità, acqua, gas.
Non so dove siano finiti tutti, non so niente. La mia famiglia, i miei amici. Niente.
Sono solo.
Ancora, che cazzo e’ successo??? Sento la maestra che mi bacchetta, penso ad altro.
Sono riuscito ad avere corrente dall’impianto fotovoltaico del campo sportivo e dopo un mese di imprecazioni (a bassa voce, per non attirare i miei nuovi vicini) ho finalmente connettivita’.
Ogni tanto salgo nei ripetitori dei cellulari, vedo blindati militari fare qualche raid sporadico qua e la’, sparando come se fossero nel far west… mi vedono, mi salutano ma non mi aiutano. Stronzi.
Nelle ultime settimane ho girovagato a piedi nelle campagne, in cerca di cibo, di armi e di vita, con scarsi successi.
Non ho un’arma, solo una mazza spaccacranio[tm] che fa egregiamente il suo sporco lavoro.
A Bagnoli c’era un centro di raccolta, e’ diventato un ricco buffet per non morti. L’odore di putrefazione si sente fin qui e da’ la nausea, ma almeno li attira lontano dal mio diroccato paese.
Ho allegato una mappa, nel caso qualcuno avesse in mente di passare da queste parti. I puntini rossi rappresentano le zone dove si concentrano gli zombie.
NON PASSATE PER BAGNOLI.

Dall’altra parte del fiume sono un’infinita’. Ogni tanto qualche stronzo rotola giu’ dalla scarpata e finisce in acqua, purtroppo per ognuno che cade ce ne sono dietro migliaia pronti a rimpiazzarlo.
Il sole sta tramontando, devo tornare nel mio fortino.
Almeno ora posso comunicare con qualcuno, stavo per impazzire.
Forse dovrei provare ad andarmene anch’io, non ne posso piu’ di stare da solo.
Non so ancora dove ho intenzione di andare, mi muovero’ seguendo la strategia di Pac-Man:
eat, avoid bad people, jump to the next level.

Voi tenete duro, mirate alla testa.
Sono il nuovo sindaco di un paese di cadaveri ambulanti, e vi auguro buona fortuna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

eBook – Stagione 1

Promo

BlogItalia - La directory italiana dei blog
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 341 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: